Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, "La sposa bambina" di Khadija Al-Salami

violenza-contro-le-donne-La-sposa-bambina
TORINO - La sposa bambina, a Torino per la Giornata contro la violenza sulle donne. Venerdì 25 novembre 2016, alle 10,30, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne la Consulta regionale delle elette propone, in collaborazione con Agiscuola, la proiezione della pellicola La sposa bambina di Khadija Al-Salami per gli studenti delle scuole di II grado piemontesi.

Le sale coinvolte sono in totale undici: sei nella provincia di Torino e una rispettivamente nelle province di Alessandria, Asti, Cuneo, Novara e del Vco (quest’ultima, per motivi organizzativi, ha anticipato la proiezione a martedì 22).

La pellicola - realizzata nel 2014 e uscita sugli schermi italiani nel maggio scorso - racconta la biografia di Najoom, che in yemenita significa "le stelle", che sembra avere un destino segnato fin dalla nascita. Suo padre, infatti, cambia il suo nome in Nojoud, che significa "nascosta", e - pur amandola - la consegna alle regole non scritte della convivenza nello Yemen, che comportano la totale sudditanza delle femmine rispetto ai maschi.

Quando Nojoud compie 10 anni il padre, in una negoziazione condotta solo fra uomini, la dà in sposa a un uomo che ha almeno trent'anni più di lei. Lo sposo promette al suocero di prendersi cura della bambina e di aspettarne la pubertà prima di consumare il matrimonio, ma appena sottratta alla casa del padre la violenta e la costringe a servire la suocera, picchiandola quando la bimba disobbedisce. Per fortuna Nojoom/Nojoud è uno spirito indomito e trova la via di fuga dal villaggio arcaico in cui l'ha segregata il marito per recarsi al tribunale di Sana'a, dove chiederà per sé il divorzio.

Commenti