Josefa Idem: ora abbiamo limiti certi, definiti, non derogabili al rinnovo dei mandati dei presidenti delle federazioni sportive

Josefa-Idem-mandati-presidenti-federazioni
Josefa Idem
ROMA - Dichiarazione della senatrice del Partito democratico Josefa Idem, commissione Sport e Cultura, relatrice del ddl approvato a larga maggioranza in Senato, che prevede una disciplina uniforme in materia di durata in carica dei vertici del CONI, del Comitato paraolimpico, delle federazioni  e degli enti di promozione sportiva.
"Previsione di un limite massimo di 3 mandati per presidente e membri direttivi, nazionali e territoriali, del CONI e delle federazioni sportive nazionali e delle discipline associate e introduzione di un 'tetto' rigoroso, stabilito in 5, del numero massimo delle deleghe utilizzabili all'interno delle assemblee elettive federali.
Sono questi i punti cardine del ddl approvato il 30 giugno 2016 a larga maggioranza in Senato, che prevede una disciplina uniforme in materia di durata in carica dei vertici del CONI, del Comitato paraolimpico, delle federazioni  e degli enti di promozione sportiva".
Lo dice la senatrice pd Josefa Idem, relatrice del provvedimento sul rinnovo dei limiti ai mandati della dirigenza nello sport, approvato a Palazzo Madama.
"Con queste norme si pongono da una parte limiti certi, definiti e non derogabili al rinnovo dei mandati dei presidenti delle federazioni sportive e dall'altra la possibilità allo sport italiano di porsi a livello internazionale. La disciplina attuale, invece, prevede che con il 55% dei voti, dal secondo mandato in poi, un presidente federale possa essere rieletto 'ad oltranza'. 
Spesso le risorse federali sono state spese per questo fine e non per la promozione e l'organizzazione delle attività sportive. Ora, finalmente, si potrà porre fine a questi meccanismi fraudolenti.
Infine è stato indispensabile prevedere una disciplina transitoria per chi è in carica alla data di entrata in vigore della legge, in modo da evitare all'origine possibili effetti reatroattivi delle norme".

Commenti