Per chi ha uno stomaco davvero forte c'è Birdman, thriller di Mo Hayder. Per certi assassini uccidere è solo l’inizio

Birdman-thriller-Mo-Hayder-assassini-uccidere
COMO - Birdman, libro di Mo Hayder (2002 Superpocket, pagine 384). Questo thriller direi che non è per tutti, ma solo per chi ha uno stomaco davvero forte. Alcune scene, soprattutto dalla metà romanzo verso la fine, sono fin troppo esplicite e raccontate in tutti i loro macabri particolari. Detto questo, è sicuramente un romanzo che consiglio agli amanti del genere.
All’inizio fa un po’ fatica a decollare, in alcuni tratti mi è parso confuso e non riuscivo a seguire la storia; ma, una volta che l’ingranaggio ha cominciato a girare, è stata davvero una piacevole sorpresa.
Protagonista è il detective Jack Caffery, un uomo che ha un terribile scheletro nell’armadio: la morte per mano di un pedofilo, del proprio fratellino. La sua vita, oltre che nella polizia, è spesa alla ricerca di prove che incastrino il suo vicino di casa.
Vive con una donna che non ama e si trova per le mani cinque cadaveri di donne.
Nei corpi, cuciti, si ritrovano degli uccellini morti, da questo il nome Birdman affibbiato a questo serial killer che si muove nell’ambiente della droga, nel sud est di Londra.
Fa la comparsa il nostro sadico killer e di lui conosciamo la storia: una madre oppressiva che non ha giovato alla sua psiche.
Le indagini proseguono e si arriva a un nome, quello giusto; ma proprio nel momento in cui si è vicini alla cattura, l’assassino si suicida.
Caso concluso? Finisce tutto così? Assolutamente no. Perché lui è solo una faccia della medaglia, Birdman è ancora vivo e in piena attività.
Ecco che ci avviciniamo a lui, al suo aspetto, alla sua identità. Alle torture e ai crimini narrati per filo e per segno, tanto da sentire quasi sulla nostra pelle il dolore provato dalla vittima.
Da il Sole 24 ore: “Se non siete avvezzi a sopportare lunghi brividi nella schiena, Birdman non fa certo per voi”.
Come troviamo scritto in copertina: per certi assassini uccidere è soltanto l’inizio.

Commenti