"Il tempo fa il suo mestiere" di Mariastella Eisenberg al Festival Salerno Letteratura, saga familiare e silenzi colpevoli

Il-tempo-fa-il-suo-mestiere-Mariastella-Eisenberg
SALERNO - Edizioni Spartaco al festival Salerno Letteratura, sabato 18 e domenica 19 giugno 2016. Ricca di appuntamenti la due giorni di Edizioni Spartaco al Festival Salerno Letteratura. La casa editrice partecipa alla Prima Vetrina dell'Editoria Campana, nel Museo diocesano San Matteo, in Largo Plebiscito 12 a Salerno, sabato 18 e domenica 19 giugno 2016 (apertura stand ore 10-20) con i libri del suo catalogo.
Tra questi, anche la saga familiare "Il tempo fa il suo mestiere" di Mariastella Eisenberg.
Sabato 18 giugno, Museo diocesano San Matteo, Ore 12,15. Una saga europea: presentazione del romanzo "Il tempo fa il suo mestiere" di Mariastella Eisenberg. Con l'autrice, intervengono: Raimondo Pasquino (già rettore Università Salerno), Maria Galante (docente Università Salerno), Ambrogio Ietto (ispettore Miur, moderatore). Letture a cura degli attori Andrea Renzi e Lucia Ferillo.
Sintesi felice di molti generi – romanzo, testimonianza, denuncia – "Il tempo fa il suo mestiere" è una saga familiare intessuta su silenzi colpevoli, rancori sotterranei, sentimenti granitici. Ai giorni nostri, a Gerusalemme, città sacra a ebrei, cristiani e musulmani, si scioglieranno i nodi di questa appassionante vicenda umana, che prende il via nel 1912 in Romania e trova il suo sviluppo negli anni Cinquanta in Italia, nell’incanto del golfo di Napoli.
Mariastella Eisenberg è nata a Napoli da un medico ebreo rumeno di etnia tedesca, laureato a Montpellier e riparato in Italia a causa delle leggi razziali, e da una giovane pianista napoletana. Già insegnante e dirigente scolastico, dal 2004 si dedica alla scrittura e all’impegno sociale. Ha pubblicato Perché ancora i Promessi Sposi (Marimar 1989); Sara (Guida 2005); Carovita (Lettere arti scienze 2009); Chiedi alle mani (Sovera 2009); Alfabetando (L’Aperia 2011, prefazione di Luigi Trucillo); Cantico nella parola svelata (Compagnia dei Trovatori 2013, prefazione di Silvio Perrella, nota di Bruno Galluccio); Madri vestite di sole (Interlinea 2013, prefazione di Giampiero Neri, nota di Andrea Renzi); Viaggi al fondo della notte (Oèdipus 2015, prefazione di Ugo Piscopo, nota di Maram Al-Masri).

Commenti