Cristina Trivulzio, Grazia Deledda, Nilde Iotti: “Italiane”. A Parma per conoscere la vita delle donne nella storia

Cristina-Trivulzio-Grazia-Deledda-Nilde
Nadia Verdile
PARMA - Sarà presentata, in anteprima regionale, nella libreria La Feltrinelli, in via Farini 17, venerdì 9 maggio 2016, alle ore 18, la Collana “Italiane” edita dalla Pacini Fazzi Editore di Lucca e diretta da Nadia Verdile. La scrittrice e giornalista casertana, torna a Parma dopo tre anni con un’altra iniziativa targata Pacini Fazzi. Uno sforzo editoriale per raccontare la vita delle donne che hanno fatto, ciascuna per la propria parte, l’Italia e che troppo spesso sono restate escluse dalla narrazione, dai libri di storia, dalle conoscenze comuni.
Madrina, per il battesimo emiliano, sarà la deputata Patrizia Maestri che presenterà l’evento con Fabrizia Dalcò.
«Un progetto che sta riscuotendo grande interesse -  afferma Francesca Fazzi, editrice - e nel quale crediamo molto. Sono tantissime le italiane da riscoprire e abbiamo pensato a una collana aperta alle proposte delle tante studiose e studiosi che insieme andranno a completare una nuova storia italiana popolata da protagoniste, oggi ancora troppo poco conosciute. Il miglior modo per festeggiare i nostri 50 anni di editoria».
I primi tre libri sono dedicati a Cristina Trivulzio, Grazia Deledda, Nilde Iotti, ovvero la patriota, la scrittrice premio Nobel per la letteratura, la prima presidente della Camera dei deputati: tre donne simbolo raccontate da tre specialiste come Nadia Verdile, Neria de Giovanni, Luisa Cavaliere.


«Il progetto – spiega Verdile, direttrice della Collana e autrice del libro su Cristina Trivulzio – ha l’obiettivo di portare la storia delle donne fuori dagli ambienti di settore e raggiungere quelle fasce di lettrici e lettori spesso lontani per la difficoltà di approccio e anche per i costi dei libri. Piccolo, formato, piccolo prezzo, grande rigore scientifico. Quelle che abbiamo iniziato a raccontare sono storie di donne famose e anche misconosciute che hanno lasciato con il loro agire impronte nella nostra storia, “epurate” dai luoghi comuni, dai pregiudizi e dagli stereotipi di genere».
Durante la presentazione ci sarà una performance dell’artista Giovanna D’Amico mentre le letture saranno di Paola Ferrari.

Commenti