A Chiasso la mostra Simonetta Ferrante La Memoria del Visibile: segno, colore, ritmo e calligrafie

Chiasso-mostra-Simonetta-Ferrante-Memoria
CHIASSO - La Direzione del m.a.x. museo (Centro Culturale Chiasso, Svizzera) presenta la nuova mostra: Simonetta Ferrante La Memoria del Visibile: segno, colore, ritmo e calligrafie. m.a.x. museo, periodo espositivo: da sabato 21 maggio a domenica 25 settembre 2016, a cura di: Claudio Cerritelli e Nicoletta Ossanna Cavadini, chiusura estiva del m.a.x. museo: da lunedì 1° agosto a lunedì 22 agosto 2016 compresi.
Conferenza stampa: giovedì 19 maggio 2016, ore 11 con preview della mostra alla presenza di Simonetta Ferrante. m.a.x. museo, Via Dante Alighieri 6, 6830 Chiasso. Saranno inoltre presenti: Davide Dosi, Capo Dicastero Cultura, Chiasso; i curatori: Claudio Cerritelli, professore di storia dell’arte contemporanea, Accademia di Belle Arti di Brera, e Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice m.a.x. museo e Spazio Officina. Inaugurazione: venerdì 20 maggio 2016, ore 18,30, alla presenza di Simonetta Ferrante. Interverranno: Davide Dosi, Capo Dicastero Cultura, Chiasso; Cinzia Ferrara, Presidente nazionale Aiap, Associazione italiana design della comunicazione visiva; Enzo Pelli, Gruppo Calligrafia Ticino; i curatori: Claudio Cerritelli, professore di storia dell’arte contemporanea, Accademia di Belle Arti di Brera, e Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice m.a.x. museo e Spazio Officina.
La mostra al m.a.x. museo di Chiasso, che s’inserisce nel filone della “grafica contemporanea”, è dedicata quest’anno a Simonetta Ferrante (Milano, 1930). Si tratta della prima antologica consacrata alla Ferrante, che affronta tutto il suo articolato percorso mettendo in luce il doppio background fra grafica e arte.
Se, infatti, la sua attività parte con la formazione in graphic design – inizia presso Max Huber (creatore del logotipo de La Rinascente), frequenta poi su consiglio di Pier Giacomo Castiglioni la Central School of Arts and Crafts di Londra, lavora in seguito con Bob Noorda, con Bruno Munari alla Bompiani, collabora con la grafica svizzera Giovanna Graf e con Carlo Pollastrini per clienti come i Supermercati Esselunga, Galgano, Fotorex, Elettrocarbonium, Mondadori, Rizzoli, DataControl –, Simonetta Ferrante si volge poi verso l’incisione, la pittura, il collage, i libri d’artista, l’arte calligrafica con gli studi di calligrafie e inchiostri, e le installazioni. Tali ambiti disciplinari sono complementari e da intendersi quali fasi di un’unica poetica artistica diretta allo studio del segno, del colore, del ritmo e della scrittura: fra grafica, design, arte e calligrafia.
La mostra gode del patrocinio di Aiap, Associazione italiana design della comunicazione visiva, e del
Gruppo Calligrafia Ticino, ed è accompagnata da un catalogo che viene a colmare un vuoto bibliografico. Per l’occasione Simonetta Ferrante ha realizzato una speciale cartella grafica dal titolo “Frammento della martora” che si potrà acquistare al m.a.x. museo.
In conferenza stampa sarà presentata anche la farfallina Lì, la nuova mascotte del m.a.x. museo, in collaborazione con Bruna Ferrazzini e Ilaria Turba di animaBIRIKI.

Commenti