Lorenza Morello: Giulia Madonna, con Amata Tela, deve entrare in ogni biblioteca

TORINO - “Amata Tela”, ultima opera di Giulia Madonna (musicaos: ed, smartlit 07). Ci sono libri che uno conosce già prima di leggere, ne conosce la storia, i risvolti, le risa e i pianti. E li conosce perché fanno parte dell'essere umano, sono parti ataviche di noi di cui, però, ignoriamo l'esistenza finché qualcuno non ce la palesa. E questo qualcuno è Giulia Madonna che, con penna lieve e garbata che però scuote la nostra fibra come un'implacabile falce, ci narra ciò che siamo, che non siamo o che forse vorremmo (o dovremmo) essere. Un uso sapiente della sintassi assieme a un linguaggio (Continua a leggere...)

Commenti