Tokyo Love, romanzo di Silvia Accorrà. Tessitura intensa e leggera di un amore e di un mistero

ROMA - Il romanzo dell’incontro tra due donne “straniere”, la tessitura intensa e leggera di un amore e di un mistero. La giovane donna nel soprabito verde torna da misteriose profondità oceaniche con il sorriso di chi è dotato di un’altra vista. In una Tokyo oceano di insegne luminose, grattacieli, centri commerciali, viadotti affollati di automobili e treni, donne e uomini nuotano rapidi e ordinati fra colori, cibi, merci e destini che si intersecano. Contemporanei viventi e misteriosi revenants presenti e operanti, si mescolano in un’unica folla. Antenati venuti dal futuro e abitanti del futuro presente. Quello di un amore misterioso e ineluttabile come tutti gli amori.
In libreria Tokyo Love, di Silvia Accorrà. L’incontro magico, delicatissimo e vorace, tra due donne diverse per età, cultura, provenienza. Una fotografa occidentale e il fascinoso, ingenuo, irresistibile revenant di una giovane fanciulla orientale che torna dalle profondità dell’Oceano dov’era scomparsa.
Una storia d’amore fatta di percezioni sempre più persuasive che tra realtà e sogno, notte e giorno, vita e non vita, le differenze sono solo segnali da cogliere.
Silvia Accorrà è fotografa e narratrice di storie al limite fra rivelazione e mistero, fra Occidente e Oriente. Tokyo Love (Enrico Damiani Editore) è il primo romanzo di una trilogia ambientata in Giappone, il paese dove la scrittrice ha inteso che, fra uomini e donne, donna e donna, pensieri e (Continua a leggere...)

Commenti