Letteratura rosa e ironia a Torino, amore e arte ne L'Uomo di Marmo di Miriam Ghezzi

TORINO - Amore, ironia, arte: L'Uomo di Marmo, di Miriam Ghezzi (Booksalad Edizioni, 180 pagine). La letteratura rosa incontra l’ironia. Un romanzo unico per parlare d’amore e di arte. Non dite che l’arte è senza cuore. L’uomo di Marmo di Miriam Ghezzi sarà presentato al Salone del Libro di Torino, sabato 10 maggio alle 19,30 Il David di Michelangelo è un po’ come Pinocchio; con le dovute differenze di grandezza e di materiale, s’intende, ma in sostanza resta un fantoccio di marmo con sembianze umane che vorrebbe diventare una persona vera.
In una notte buia e tempestosa alla Galleria dell’Accademia, il destino sembra concedergli un’opportunità, facendogli incontrare un’improbabile fata turchina del ventunesimo secolo, che per la testa ha tutt’altro che fiabe a lieto fine: Vera, ladra e appassionata d’arte, sfiora per un capriccio questo colosso di marmo e se lo ritrova davanti vivo, in carne e ossa, ma senza cuore. Da qui inizia l’avventura di una creatura scolpita nel 1504 catapultata nel Duemila, e di una ragazza che, suo malgrado, si deve fare carico di un uomo di pietra e aiutarlo a diventare un uomo (Continua a leggere...) 

Commenti