Francesca Di Martino in libreria con 'Alì e Teresella', camorra e terrorismo

In libreria di nuovo Francesca Di Martino con il suo Alì e Teresella (Ed. Einaudi). Un romanzo popolare e raffinato insieme, che racconta una bellissima storia d’amore tra un Romeo e una Giulietta dei giorni nostri, compromessi – piú o meno consapevolmente – ciascuno dalle piaghe della propria «provenienza» geografica e culturale. Una sessantenne insoddisfatta della propria vita indaga sul suicidio inspiegabile di una coppia di adolescenti a Napoli: una storia d'amore che si intreccia con la camorra e il terrorismo islamico.
Nel nuovo lavoro della scrittrice si raccontano Napoli e i diciannovenni Alí Tayyb e Teresella Marra che si sono uccisi.
Una professoressa in pensione, delusa da una vita di abbandoni, decide di indagare su questo apparente suicidio. Si addentrerà nel cuore di una città capace di metterla in discussione, e in un’inchiesta di cui ignora
i rischi.
Fino a scoprire non solo che la famiglia Marra ha legami con la camorra, ma soprattutto che il tunisino Alí era in contatto con gruppi terroristici, in virtú dei quali avrebbe persino lasciato Teresella...
La ricerca della verità sulla morte dei due adolescenti diventa per la donna una ricerca della verità tout court,
e l’immersione nella città con le sue contraddizioni un percorso di ritrovamento di sé.
Di Martino ha già pubblicato Foemina Ludens(Bompiani, 1977), Africa, oh Africa (Marsilio, 1991)... Continua

Commenti